giovedì 19 aprile 2012

SCANDALO: l'appalto per il Del Conero è illegale


Molte gare d’appalto di cui parla sul suo sito il Comune di Ancona non rispondono ai requisiti del Decreto Legislativo di riferimento. In particolare colpisce la gara d’appalto vinta dall’attuale Ancona Calcio per affittare lo stadio Del Conero dal 2011 al 2021 in cui rispetto a quanto stabilito dal Decreto Legislativo, che è il 163 del maggio 2006, sembra siano state convocate alla gara dal Comune solo 2 imprese sulle 5 previste. Altro requisito mancante, e non solo in questo appalto, è il criterio della trasparenza, non essendo disponibili come accade in altri Comuni per lo stesso tipo di pratica i nomi di tutti i concorrenti. Non si tratta tuttavia di una legge politicamente giusta, in quanto leggendo i vari punti spicca la possibilità per i sindaci di nominare a propria discrezione, e senza concorso pubblico, del personale per incarichi a tempo determinato, come potrebbe essere la gestione del giornalino del Comune. Il tetto minimo è di 40mila euro annui di stipendio, ciò vuol dire che al di sotto di questa cifra ogni sindaco eletto può agire a sua discrezione pur in presenza di posti pubblici e non privati.