giovedì 18 dicembre 2014

Novara, scandalo sul giudice che fece fucilare Vezzalini


A quasi 70 anni dalla Liberazione viene a galla una terribile verità: Costantino Grillo, il giudice che nel settembre del 1945 condannò a morte Enrico Vezzalini, l'ex capo provincia di Novara, per collaborazionismo con i nazisti, non era al di sopra dei sospetti. All'archivio di Stato di Novara è ricomparso un documento in cui un Costantino Grillo firmava una lista di 249 detenuti politici e la consegnava prima della Liberazione, il 13 marzo 1945, al capo provincia della Repubblica di Salò, Alberto Zaccherini. Questo Grillo compariva nel documento come direttore delle carceri e procuratore di Stato. Al processo Vezzalini prese parte in veste di accusatore anche l'ex presidente della Repubblica, Oscar Luigi Scalfaro, così la vicenda è tornata di recente alla ribalta sui mass media.