giovedì 8 ottobre 2015

L'11 settembre di John Carta al World Trade Center


Esattamente vent'anni prima del terribile attentato di Al Qaeda, l'11 settembre del 1981 un italo-americano conquistò le prime pagine dei giornali americani. John Carta, all'epoca 35enne, fu il primo uomo a violare il World Trade Center, paracadutandosi da un aereo e atterrando illeso sul tetto della torre sud. La polizia lo arrestò mentre si accingeva a scendere dall'ultimo piano e lo rilasciò multandolo di 50 dollari. Era di Alghero, ma a 12 anni era emigrato negli Usa e si era guadagnato la croce di guerra come volontario in Vietnam. Morì nel 1990, per un banale errore del pilota durante un'esibizione di aerei della seconda guerra mondiale. La sua biografia viene ampiamente narrata su Wikipedia. E' un italiano famoso, come noto è in Italia e negli Usa il suo gesto. Anche altri avventurieri avevano sfidato la forza di gravità e la polizia gettandosi con il paracadute dalle due torri, ma John Carta li superò tutti arrivando su Manhattan con tanto di aereo. Come mai allora quella prima pagina del New York Times è stata dimenticata nelle varie ricostruzioni dell'attentato di Al Qaeda, quando dei paracadute avrebbero potuto salvare migliaia di vite umane? John Carta potrebbe aver ispirato i mandanti della strage, offrendo loro un obiettivo simbolico per conquistare di nuovo la fama negli Usa e all'estero.