sabato 31 ottobre 2015

Le riforme politiche del signor Ratto Trabucco


Un signore di Chiavari, in provincia di Genova, negli ultimi due anni ha sommerso il Senato con le sue proposte di riforma. Si chiama Fabio Ratto Trabucco. Ha presentato 507 petizioni, un terzo di tutte quelle dell'attuale legislatura, che sono state 1501. L'articolo 50 della Costituzione permette a chiunque di inviare un numero illimitato di petizioni, così questo signore di Chiavari ha ingaggiato un testa a testa con un altro cittadino, Francesco Di Pasquale di Cancello ed Arnone (Caserta), per il primato nella formulazione di proposte per migliorare l'Italia. Il signor Di Pasquale si è fermato a "sole" 384 petizioni. Al terzo posto si è piazzato Salvatore Acanfora di Bari, con 128 petizioni. Gli argomenti sono stati i più svariati: dalla salvaguardia della canzone napoletana, alla depenalizzazione dell'eutanasia, alla liberazione dei marò Girone e Latorre e all'abolizione del finanziamento pubblico all'editoria. Quest'ultima richiesta è stata elaborata dal sottoscritto, e risulta che sia stata discussa il 24 settembre 2015. L'esito del dibattito resta tuttora ignoto.