domenica 23 gennaio 2011

WIKILEAKS: attenzione ai "leaks italiani", forse contengono materiale pedopornografico


Attenzione al sito di Wikileaks. http://213.251.145.96/ Se mai qualcuno di voi, pochi e sparuti lettori del mio blog, dovesse cercare il sito da cui partono tutte le presunte informazioni segrete che i nostri giornali, le nostre tv, le nostre radio riportano, ecco stia attento perché potrebbe scaricare un file enorme che però rimanda ad altri file torrent, alcuni dei quali forse illegali. Tra le varie voci che contraddistinguono questo portale notiamo infatti: "Cablegate" con le maggiori rivelazioni di cui abbiamo letto sui giornali che riguardano spy-story e rapporti diplomatici dei vari paesi, e poi quelle dei rapporti di guerra in Afghanistan e Iraq. La seconda, "All released leaks archived" contiene un enorme file con dei link a dei file torrent. Tra questi, se doveste cercare i segreti italiani, vi trovereste probabilmente di fronte a qualcosa di illegale, poiché i files non contengono altro, mi pare molto probabile, che materiale pornografico di sesso sui bambini avvenuto nel 2008. "Italy Sex Child 2008", questo dovrebbe essere, se non ricordiamo male, il nome che abbiamo visto su quei 4 o 5 files verdi. I files, purtroppo, sono reperibili da chiunque anche attraverso una ricerca semplice su Google. Non solo. Col passare del tempo stanno anche nascendo dei blog che offrono dei link per scaricare i file presunti pedofili. Si tratta di file audio, che facendo un calcolo in base alle lunghezze campione dei files Wav, dovrebbero avere una durata tra i 10 e i 30 secondi. Non saprei dire che cosa si sente e se, poi, si senta davvero qualcosa di decifrabile. Il mio blog, non essendo una grande testata con le spalle ben protette, ha deciso di evitare di scaricarli, perché è vietato. Questi comunque sarebbero dei segreti italiani di Wikileaks ancora inesplorati. Ricordo che scaricare e diffondere materiale pedo-pornografico è un reato.