giovedì 1 settembre 2011

L'anestetico che farebbe tremare il mondo del calcio...


Quanti calciatori sono entrati in campo con le gambe rotte grazie a un’iniezione di Novocaina? Veramente tanti, l’esatto numero non è facile dirlo: Altafini, Rummenigge, Maradona, Nesta, Montella, per il calcio, Tomba e Senna negli altri sport, tanto per fare dei nomi importanti. Dalla mia rassegna stampa su tutti i quotidiani italiani emerge che dagli anni ’50 questo era un metodo ritenuto legale per far disputare una partita a un giocatore coprendo il dolore per un infortunio. Al di là della gravità o meno per il fisico dello sportivo, è chiaro che si può tracciare un parallelo con l’inchiesta del PM Guariniello, allorché si voleva dimostrare che il Voltaren in dosi massicce permette di coprire il dolore; un’inchiesta che appare inutile di fronte all’uso diffuso della Novocaina, che è un anestetico adatto alle operazioni chirurgiche e in particolare quelle dei dentisti. Singolare una telecronaca della Rai di Inter-Sportul di Coppa Uefa, in cui il telecronista Ennio Vitanza prima del gol di Rummenigge disse in diretta che il giocatore era in campo con un’iniezione di Novocaina.