venerdì 25 marzo 2016

Scalfari: Aldo Moro punto di riferimento della P2


Aldo Moro fu ucciso per i suoi contatti con la P2? Leggendo un articolo di Eugenio Scalfari intitolato "Da Sindona a Gelli" e uscito nel 1981 nel libro "L'Italia della P2" questo sembra il movente di uno dei piu' gravi delitti del secondo dopoguerra. La P2, quel sistema parallelo nato dallo scandalo Sifar e impegnato a raccogliere tangenti sugli appalti pubblici, secondo il giornalista di Repubblica e L'Espresso aveva quali referenti politici del suo sistema, Andreotti e Moro. "Per anni i due clan si combatterono sordamente ma duramente, al coperto degli occhi del pubblico. Poi - scrisse il giornalista - scomparso Moro, e' stato Bettino Craxi a diventare in sua vece il punto di riferimento di quella parte dei Poteri occulti che non si riconosce in Andreotti." Parole terribili, ma che sono state confermate dalla storia dei processi successivi. Se Moro era nel sistema P2 e' a questo punto possibile che fu rapito e lasciato morire anche per gli omissis su Ancona. Il punto di vista di Scalfari per certi versi ricalca le parole di Jannuzzi su Tempo, ma se ne discosta sul ruolo di Andreotti, garante dei servizi segreti onesti per il giornalista di Tempo, antagonista di Moro nel regolamento di conti tra poteri occulti per Scalfari.