martedì 27 giugno 2017

Novara, continuano le intimidazioni


Si è ripetuta la scena del messo del tribunale. Dell'ufficiale giudiziario in borghese che, allegramente, mi consegna un foglio (l'altra volta nel 2010 era un gruppo di fogli), nel quale ci sono sempre sgradite sorprese. Nel 2010 un amministratore di condominio mi aveva inviato un'ingiunzione di pagamento senza permettermi di andare in causa. Si trattava di spese che gravavano sul precedente proprietario del mio immobile, ma che lui pretendeva da me, con telefonate, raccomandate, minacce. E senza spiegazioni. Mi fecero avere una condanna civile lampo, con annesse spese legali per 2000 euro, senza che avessi visto il tribunale e senza una riunione condominiale per la mia messa in mora. E per ottenere qualcosa, visto che stentavo a credere in questa giustizia sommaria, arrivarono dei vigili urbani armati. E adesso? L'altro giorno una signora mi ha consegnato un foglio in cui c'è scritto che sono imputato, già imputato, senza preavviso, senza essere stato convocato, senza informazioni sull'avvio delle indagini. Dovrei essere processato per diffamazione. Perché un dirigente scolastico non ha gradito alcuni passaggi di due miei post in cui raccontavo dei gravissimi fatti accaduti in una scuola pubblica. E quindi aveva il diritto di rovinarmi la reputazione così? Ancora una volta una persona decide di farsi giustizia da sola, sbagliando di grosso anche sulle sue accuse. Perché mi sono informato e, non solo non ho mai citato l'uomo e non l'ho umiliato con epiteti (cosa che invece verso di me si ripete da anni), ma non sussisterebbe comunque l'accusa di diffamazione nel caso in cui si risponda a un'offesa, a una provocazione (e ne subisco parecchie), oppure se si è un cronista e si svolge il proprio mestiere di raccontare dei fatti. 
Direi che i fatti erano sotto gli occhi di tutti già con il primo post. Inutile commentare ancora. In certe scuole ci sono pressioni inaccettabili di genitori e di dirigenti. A me questo del processo di Kafka (perché è quello) è sembrato subito uno stupido scherzo, poiché conosco perfettamente la prassi giuridica del processo penale per essermene occupato su questo blog negli anni scorsi. Il vero problema sono le reazioni delle forze dell'ordine, le quali mi danno l'impressione, se non di partecipare alle intimidazioni che ricevo, comunque di preferire che il ricatto prosegua. Perché le cose non si sistemeranno di sicuro da sole. A uno dei numeri di emergenza delle forze dell'ordine mi hanno detto una cosa di una gravità estrema: che questa persona avrebbe, uso il condizionale, pagato un avvocato per farmi diventare imputato in un processo penale. E in questo modo. Giustizia a pagamento? A quanto si vende al chilo una denuncia per diffamazione? E una per truffa? E una per stalking? Non ho proprio parole. Sono andato in una caserma e mi sono proprio trovato a disagio. Alcuni militari cercavano visibilmente la rissa verbale. Volevano aggiungere, già che c'erano, qualche altra accusa? Eppoi erano militari anche strani, con una camminata tutt'altro che cadenzata. Molto poco militari e per niente conoscitori e tutori della legge. Non so, a me sembra un muro di gomma simile al caso Ustica. Solo che io sono un cittadino qualunque, in questo caso, anche se scrivo, la gente mi legge e compra qualche volta i miei libri di attualità. Ho inviato e-mail di protesta a tutte le autorità. Non ha risposto nessuno. Solo silenzio. Mi domando con quale spirito questi signori vadano a casa, sapendo che una persona vive nell'ansia anche per colpa loro. Se succede qualcosa dovrò cavarmela da solo. Perché sono solo, purtroppo. Posso soltanto parlare con questo blog. E forse si accaniscono per questo.