domenica 6 settembre 2015

Quando il Carlino fu indagato per le indiscrezioni dei Servizi


La storia di Asmae Dachan ci riporta al 1979, quando si vociferava che i servizi segreti intrattenessero rapporti con i giornalisti di Ancona. All'epoca, il procuratore di Ancona Umberto Zampetti inviò un avviso di garanzia a un giornalista del Resto del Carlino, Luciano Biliotti, accusandolo della pubblicazione di notizie false e tendenziose. Biliotti aveva pubblicato il 10 agosto del '79 uno scoop sul capo dell'antiterrorismo Carlo Alberto Dalla Chiesa. Scrisse che un suo uomo era stato arrestato dalla Digos perché scambiato per un terrorista delle Brigate Rosse. Invece si trattava, pare, solo di un infiltrato speciale, che in una casa di Montacuto (Ancona) intratteneva rapporti con uomini di estrema sinistra. Secondo un collega di allora di Biliotti, che preferisco non nominare, sembra che il giornalista del Carlino avesse ricevuto quell'indiscrezione da un uomo dei Servizi. Il contatto diretto con i Servizi sarebbe anche la spiegazione della presenza, nei quotidiani più importanti di Ancona, della bassa frequenza della Polizia di Stato.