giovedì 21 gennaio 2016

Il videomaker del Conero: "La mia missione? Avvicinare anime a Gesù"


Il videoamatore Matteo Montesi si racconta e spiega che tipo è questo agente segreto con accento inglese che lo avrebbe minacciato. Matteo, mi hai incuriosito, perché un agente segreto non l'ho mai visto. Cos'altro ricordi di lui? <Era biondo con gli occhi verdi, alto, molto arrabbiato e con un portafoglio strapieno di carte da 50.> Tu prepari questi video perché ti ritieni un giornalista, oppure perché vuoi fare spettacolo? O magari perché ti piace che la gente segua i tuoi insegnamenti religiosi? <Io riprendo e creo video dal 1989, per passione. Poi dal 2010 in Youtube, perché sto portando avanti la missione di avvicinare più anime possibili all'amore di Gesù. Ma non mi baso sulle religioni, perché sono guerra e divisione.> Mi hai detto che Youtube ti paga uno stipendio tramite Divimove. Io so che è una ditta di Berlino che chiede almeno 70 mila contatti mensili per offrire i suoi servizi. Tu come fai a garantirglieli? <Divimove mi prende una percentuale, ma di più non posso dire.>