mercoledì 3 febbraio 2016

Anche la Coeclerici fu nel mirino del KGB


Nei rapporti Impedian, al numero 48 e al 233, c'è spazio anche per la Coeclerici, con la quale ho un personale ricordo: svolsi un colloquio alcuni anni fa per un impiego a Milano. E' una storica ditta che si occupa di trasportare il carbone dalla Russia attraverso il porto di Genova. Nel 1973-74 i russi contattarono Gioacchino De Feo, un suo rappresentante all'estero, ma la collaborazione si interruppe presto perché - spiega Mitrokhin - "le prospettive di utilizzarlo per informazioni scientifiche e tecniche erano scarse." De Feo fu poi espulso dalla Russia nel 1978, per aver contattato dei cittadini locali senza autorizzazione.