venerdì 13 novembre 2015

Aldo Moro fu ucciso per gli "omissis" su Ancona?


Il leader DC fu assassinato per i segreti legati al Sifar? Perché non rivelasse il doppio gioco dei servizi deviati? O perché poteva aver capito cosa si nasconde nel monte Conero? Una cosa è certa: Moro era ricattato da Vito Miceli, capo del famoso Sid parallelo. La verità sulla sua morte sta probabilmente negli articoli scritti da Lino Jannuzzi e Luigi Bisignani su Tempo tra luglio e dicembre 1976. Molti dei loro scoop si sono in seguito avverati, e messi insieme formerebbero il movente di quell'orrendo delitto. Miceli ricattava Moro, perché non rivelasse i segreti del rapporto Manes sul golpe De Lorenzo, quelli riguardanti la città di Ancona e l'aeroporto di Falconara. Jannuzzi scrisse parole di fuoco contro il leader DC per quelle "bugie". Il Sifar interferì nella politica italiana anche ricattando i politici dopo averne spiato le abitudini intime e private. Ma il ricatto sessuale era tipico del KGB. Lo scrisse nel 1983 la spia della Cia, Rositzke. Si parlò anche di un contatto diretto tra il Sifar e i presidenti della Repubblica, che sarebbero stati informati dal 1964 fino al 1976 sulle direttive che arrivavano dall'estero (dagli Usa? dall'URSS?) e sulle scelte da adottare. Tant'è che Andreotti (atlantista) decise di riformare, quell'anno, i servizi attribuendone il controllo al presidente del Consiglio e al nuovo comitato parlamentare detto Copasir. A questo punto entrerebbero in gioco i terroristi: prima l'Ordine Nuovo di Rauti con tendenze "nazi-maoiste" (piazza Fontana nel '69), poi le Brigate Rosse. Le loro attività eversive per Jannuzzi coinciderebbero con i governi Moro. I mandanti sarebbero gli stessi: i servizi deviati, con la compiacenza di qualche politico DC e la copertura di certi magistrati corrotti. Ci sarebbe stato negli anni '70 un regolamento di conti mafioso tra pezzi deviati dello Stato. Moro, apponendo il segreto, entrerebbe a mio parere involontariamente in questo scenario. Il suo rapimento era annunciato. Recenti documenti del Copasir, che parlano di una scissione nella P2, avvalorano queste ipotesi di una guerra fratricida. Gli "omissis" furono svelati solo nel 1990, alla fine della Guerra Fredda, quando si seppe anche parte del segreto di Gladio. Resta invece il buio profondo sul monte Conero.